Terremoti: Assicurazione obbligatoria tramite le utenze domestiche ?

0
1137

Roma- L’idea proposta da due docenti dell’universitari Pallesi che verrà presentata in occasione del convegno dal titolo “La finanziarizzazione dei rischi catastrofali”, consiste in una assicurazione obbligatoria tramite le utenze domestiche.

​​

Durante il convegno che si terrà a Roma il 23 ottobre 2017 presso la Biblioteca della Camera dei Deputati, verrà presentato il testo per un Disegno di Legge che possa essere condiviso da più parti politiche al fine di assicurare case, negozi e fabbriche contro il rischio di terremoti.

La proposta si articola su 5 punti:

1)      che l’assicurazione contro i terremoti sia resa obbligatoria per legge su tutto il territorio nazionale;

2)      che i premi delle polizze vengano anticipati dalle società che gestiscono i servizi pubblici essenziali, acqua, luce, gas, telefonia fissa e internet;

3)      che l’obbligatorietà delle assicurazioni antisismiche consenta la creazione di economie di scala corrispondente ad una significativa riduzione dei premi (circa 8-10 euro al mese);

4)      che gli assicurati/utenti rimborsino alla società il premio rateizzato sulle bollette;

5)      che sia il premio assicurativo sia totalmente deducibile dall’IRPEF o dall’IRES.

​​

Molti sono gli edifici costruiti in zone ad altissimo rischio sismico e gli esperti Italiani si dividono su due fronti: un primo gruppo stima che in Italia sono ben 1,9 milioni di abitazioni nella zona di massimo rischio sismico, di cui il 52,5% sono state costruite prima dell’entrata in vigore della normativa antisismica (Legge n. 64/1974),

il secondo gruppo stima che il 70% delle abitazioni italiane siano ubicate in aree a rischio sismico medio-alto.

 

 

LASCIA UN COMMENTO