Le unit linked spingono i conti di Allianz Italia nei primi nove mesi del 2017

0
1882

di citywire.it

Nei primi 9 mesi del 2017, Allianz Italia, la Compagnia guidata da Klaus-Peter Roehler, ha registrato una crescita dei premi del +7,2%, superando gli 11 miliardi di euro. La crescita, nonostante le difficili condizioni di mercato, è stata sostenuta principalmente da uno sviluppo molto positivo del comparto Vita (+11,4% anno su anno) e da un recupero dei Rami Danni (-2,0% anno su anno, con un miglioramento rispetto al -3,1% del primo trimestre del 2017 e pressoché in linea con il -1,9% relativo al primo semestre).

Allo stesso tempo, la profittabilità si è confermata ad un livello di eccellenza, con un utile operativo che ha raggiunto 990 milioni di euro (+13,0% rispetto ai primi 9 mesi dell’anno precedente), grazie ad un Combined Ratio dell’82,5%, in miglioramento di 3,8 punti percentuali rispetto ai primi 9 mesi del 2016.

Anche il segmento Vita ha contribuito in modo importante, focalizzandosi sulla strategia di creazione di valore, raggiungendo una crescita del New Business Value del +32,8% nei primi 9 mesi del 2017 e un New Business mix di qualità, con un peso dell’89% delle polizze Unit-Linked sul totale del New Business (+13 punti percentuali sui corrispondenti 9 mesi del 2016). Dimensioni che confermano l’eccellenza tecnica di Allianz Italia, riconosciuta anche dal recente annuncio di S&P che ha attribuito ad Allianz Italia il rating “A”, in miglioramento da “A-”.

Bene anche i risultati del gruppo. Allianz ha chiuso il terzo trimestre con l’utile netto in calo del 17% a 1,57 miliardi di euro e l’utile operativo sceso da 3 a 2,48 miliardi.

I ricavi sono calati del 2,1% a 28,3 miliardi. Il calo dell’utile è da attribuire, soprattutto, a una perdita da 529 milioni per le recenti catastrofi naturali. L’utile operativo del ramo danni è, infatti, calato del 28% a 1 miliardo, mentre quello del segmento vita e salute del 10,3% a 1,1 miliardi.

Allianz ha detto che il business dell’asset management ha chiuso il trimestre con afflussi netti per 32 miliardi di euro, anche se l’utile operativo è sceso del 2,7% a 588 milioni.

La compagnia assicurativa si aspetta per l’intero 2017 un utile operativo di 10,8 miliardi di euro e ha annunciato un programma di buyback da 2 miliardi, da portare a termine nella prima metà del 2018.

Le azioni riacquistate saranno cancellate, ha detto Allianz, aggiungendo che l’implementazione del programma di buyback è soggetto al mantenimento di un ratio Solvency II sostenibile al di sopra del 160%.

LASCIA UN COMMENTO